LA RAGIONE DI CHI NON USA LA RAGIONE.

Facebook Hitler fascistiLA RAGIONE DI CHI NON USA LA RAGIONE.

Mamma mia quanto fa freddo quando ti accorgi che la gente è spietata.
Quando in nome della ragione (eh, non del ragionamento) le persone pensano di potersi permettere di esagerare.
Spietati su tutto, sulla religione, sulla politica, sulle etnie, sulle scelte sessuali, etiche, culturali, sportive, persino alimentari.
Poliziotti e dimostranti, cattolici e islamici, vegetariani e onnivori, omosessuali ed eterosessuali, destra e sinistra, bianchi e neri, animalisti e cacciatori, romanisti e laziali, italiani e stranieri, noi del terzo piano e voi del quarto piano…
Mamma mia quanto fa freddo quando diventano sferzanti, taglienti, violenti, capziosi, saccenti, sprezzanti.
Basterebbe meno per dire la propria opinione, ma a loro non basta, gli piace esagerare, come se la presunta ragione (non il ragionamento) li autorizzasse a farlo.
Mamma mia quanto fa freddo quando un padre credendo di avere ragione alza le mani grandi su una creatura piccola.
Quando un uomo armato e furbo s’apposta e aspetta un animale ingenuo e senza armi.
Quando un popolo odia un altro popolo, quando una categoria sprezzante infierisce in nome della propria presunta ragione (oh, non del ragionamento).
Contro il presunto mostro, contro l’altrui diritto, contro la facile vittima di turno, contro l’errore o lo scivolone altrui. Vero o ipotizzato.
Mamma mia, quanto fa freddo quando in nome di una ragione (ah, non del ragionamento) la folla lincia, scaglia pietre e fa di tutto per dare addosso a qualcuno, compiacendosi di non essere quel qualcuno.
E scaglia forte e grida, esagera, per far notare che non è mica d’accordo con quel qualcuno.
Mamma mia quanto fa freddo quando nasce il sillogismo che si autoalimenta e cresce, monta, si basa sul pretesto: “…e quindi non può essere che…”.
“…E perciò chi li difende è come loro, se non peggio…”.
Chiunque siano “loro”.
Qualunque sia il peggio.
E gli altri sono sempre loro, noi invece siamo sempre noi.
È sempre colpa loro.
E siamo sempre giusti noi.
E tu da che parte stai?
Ovviamente di qua.
Che di là si ha torto, ma io mica ci sto là, io sto qua.
Mai stato là.
Che poi, stare là porta pure sfiga.
Mamma mia, però, quanto fa freddo pure qua.

Andrea Cascioli, 15 Gennaio 2015.
E un anno dopo fa ancora più freddo.

___

Se intendete seguire questo blog e ricevere un avviso quando viene pubblicato un nuovo articolo, cliccate il pulsante blu “ISCRIVITI”.
Lo vedete all’angolo in basso a destra del vostro schermo.
Se non lo vedete leggete le istruzioni qui:
https://andreacascioli.wordpress.com/iscriversi-istruzioni-facili-per-seguire-questo-blog/
L’iscrizione va effettuata da computer o da tablet, perché da cellulare WordPress non la permette.
Una volta iscritti, potrete utilizzare qualsiasi dispositivo, ricevere le notifiche e leggere da computer, da tablet o da cellulare.

Annunci

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...