“JE SUIS GAY” (LA PAURA)

JE SUIS GAY
“JE SUIS GAY”
(LA PAURA)
Adesso voglio proprio vedere chi scriverà “Je suis gay”.
Bene, lo scrivo io.
Quel giovane esaltato americano (sottolineo che è americano) che ha compiuto la strage negli Stati Uniti non l’ha mandato l’ISIS, altrimenti non avrebbe avuto motivo di rivendicare lui la strage, anticipatamente, telefonando alla Polizia; avrebbe invece evitato, lasciando le rivendicazioni ai suoi compagni, successivamente, giacché chiamando il 911 ha rischiato – anche se poco – di venire scoperto prima di compierla.
No, nessun ISIS dietro alla sua omofobia, se non nelle sue parole e nei suoi desideri; dietro di essi solo l’ombra di un’America ancora non pronta, che ancora odia i neri, i portoricani, i messicani, gli italiani, un’America razzista per antonomasia che l’ha cresciuto negli anni di Bush, dell’omofobia, dell’odio, di un elettorato che ancora applaude gente come Donald Trump, leader indiscusso della provocazione, un’America pronta a votare chi dell’odio tra etnie e religioni fa la sua bandiera per un pugno di voti.
E che tra poco sfrutterà il pretesto, per raccontare che il Nemico trama in casa nostra, mentre il Nemico è ancora più vicino, perché ce l’abbiamo nel cuore.
Nessun terrorismo islamico, nessun attacco ai valori americani, o cristiani.
Perché un locale gay NON rappresenta i valori americani e nemmeno quelli cristiani.
Un pazzo, un colossale stronzo, un trentenne simbolo di un Paese dove amare e baciare una persona del tuo stesso sesso è disdicevole ma vendere armi a chiunque è sacro e giusto.
Voglio proprio vedere chi scriverà “Je suis gay”.
Bene, lo scrivo io.
Guardatevi allo specchio, se volete vedere il Nemico.
Che quando c’era da scrivere “Je suis Charlie” o da esporre la bandiera francese nessuno di voi ha temuto di venire scambiato per un giornalista o per un francese.
“Terrorismo”.
La Paura fa 90. Compratevi un’arma per sentirvi più sicuri.
Di cosa avete paura? Dell’invasore, dell’Uomo Nero, dello Straniero, dell’ISIS, di passare per omosessuali?
Che valori avete se è questo che vi fa paura?
Scrivetelo ora, “Je suis gay”, sulle vostre Sante bacheche, sui vostri Diari pieni di selfie, di sopracciglia depilate, di pettorali unti d’olio.
JE SUIS GAY
Eccola qui l’immagine, basta scaricarla e usarla. È bell’e pronta, è pure gratis, firmata dall’Artista, esporla fa pure tanto chic.
O avete timore che qualcuno ci creda?
Se si, siate onesti, guardatevi allo specchio e capirete chi e cosa ha spinto quell’esaltato a sparare.
La cultura occidentale.
Omofoba, ancora. Basata sull’odio, ancora.
Altro che ISIS. Non ce n’è mica bisogno.
“…americano di origine afghana” non significa un bel nulla.
Come a dire che John Travolta sa fare i pizzoccheri alla valtellinese in quanto di origini italiane.
Quell’assassino omofobo esaltato era nato e cresciuto negli Stati Uniti d’America, altro che storie.
Conosco molti omofobi. Hanno una vera mania, non c’è discorso in cui non perdano occasione per rimarcare quanto loro non siano gay.
Fosse anche un discorso sulle albicocche mature.
Alcuni di loro, io credo, hanno più paura di loro stessi che della categoria.
Della categoria dei gay, intendo, non della frutta matura.
Io sospetto che Omar Mateen fosse un uomo con una tendenza omosessuale schiacciato da una figura paterna ingombrante alla quale voleva a tutti i costi dimostrare il contrario.
In questa vicenda le questioni religiose o politiche sospetto che fossero marginali, immagino che riguardassero più suo padre che lui.
La sua follia ossessionata credo si basasse sulla dimostrazione di una sessualità “accettabile” secondo canoni di entrambe le culture a cui apparteneva.
Ovviamente questo non giustificherebbe lo stesso quel gesto folle, ma qualche domanda sull’omofobia e sulle motivazioni degli omofobi dovremmo porcela.
Trasversalmente, mediorientali o occidentali che siano certi input.
L’occidente ha già i suoi bei talebani, tra la Lega di Salvini, l’estrema destra austriaca e il più talebano di tutti che è Donald Trump, omofobo, razzista, pronto a gettare benzina sul fuoco degli animi guerrafondai per poi dire: “Visto com’è il nemico? Omofobo, razzista e assassino!”
Però questi leader di destra occidentali una cosa giusta la dicono:
“All’erta, il Nemico lo abbiamo in casa!”
È vero.
Non votatelo.
Siate nuovi.
Siate diversi.
Che i gay, una volta, noi li chiamavamo così, “diversi”, prima di diventare tutti belli, bravi e politically correct col mitra in mano e la paura in testa.
Andrea Cascioli.
Cliccare qui per accedere al mio post originale e poi condividerlo.  Oppure cercare in basso il piccolo pulsante blu "condividi".
Cliccare qui per accedere al mio post originale e poi condividerlo.
Oppure cercare in basso il piccolo pulsante blu “condividi”.

__________

Se intendete seguire questo blog e ricevere un avviso quando viene pubblicato un nuovo articolo, cliccate il pulsante blu “ISCRIVITI”.
Lo vedete all’angolo in basso a destra del vostro schermo.
Se non lo vedete leggete le istruzioni qui:
https://andreacascioli.wordpress.com/iscriversi-istruzioni-facili-per-seguire-questo-blog/
L’iscrizione va effettuata da computer o da tablet, perché da cellulare WordPress non la permette.
Una volta iscritti, potrete utilizzare qualsiasi dispositivo, ricevere le notifiche e leggere da computer, da tablet o da cellulare.
_____

Gradite quel che scrivo o come lo scrivo?
Provate il mio romanzo, è gratuito.
“LO SCRITTORE, I SUOI GATTI E UN MISTERO”
Tutti i capitoli sono qui:
https://andreacascioli.wordpress.com/archivio-capitoli-del-romanzo/

Fessacchiotto miniature - 1-32

_____

La Pagina Facebook de “LO SCRITTORE, I SUOI GATTI E UN MISTERO” è qui:
https://www.facebook.com/pages/Lo-scrittore-i-suoi-gatti-e-un-mistero/897194836992977

Fessacchiotto Pagina FB

Annunci

4 comments

    • Buongiorno, Massimo.
      Mi pare di capire che non sei d’accordo con il mio pensiero. Ho comunque approvato la pubblicazione del tuo commento, perché qui tutti possono esprimere la propria idea se la espongono pacatamente come hai fatto tu. Anche dissentendo.
      Non so se gli omofobi o Trump o Salvini o Bush o L’ISIS permettano un contraddittorio con chi non la pensa come loro.
      La differenza sostanziale, io credo, è tutta lì.
      Ora, venendo all’Islam, è una religione come tante altre, le persone che la praticano vanno rispettate.
      Se credi di parlare male delle religioni qui sei in errore. Io sono ateo, ma non permetterò di parlare male di chi prega, crede e si pone pacificamente.
      L’ISIS è un’altra cosa. È una congrega di assassini. Confonderlo con l’Islam sarebbe come confondere il Ku Klux Klan con il Cristianesimo solo perché quegli assassini si presentavano con le croci gridando “in nome di Dio!”.
      L’omofobia si presenta tanto nella cultura islamica quanto nella cultura cattolica: trovarla nei gesti di Omar Mateen (l’assassino di Orlando) come nelle parole di Trump, di Adinolfi, di uomini politici occidentali e leader musulmani ci fa capire che il problema è culturale e trasversale.
      L’ISIS nemmeno esisteva ancora quando il giovane americano Omar 15 anni fa era già omofobo.
      Si interrogasse l’America di Bush in guerra su che cosa ha saputo o non saputo insegnare o suggerire al giovane Omar già 15 anni fa.
      Interroghiamoci noi, occidentali, europei o americani, con la nostra corsa agli armamenti, gli F35, se siamo omofobi, fascisti, armati, ammirati per la Legge del Taglione, affascinati da “occhio per occhio”, noi che “ci vorrebbe la pena di morte”, noi che “le donne devono stare zitte”, noi dei femmnicidi, domandiamoci, noi, quanto siamo diversi dai talebani.
      E l’Afghanistan e Trump, culturalmente, sono due facce della stessa medaglia.

      Mi piace

  1. Salve e grazie della risposta
    “L’omofobia si presenta tanto nella cultura islamica quanto nella cultura cattolica”
    Penso esistano differenze essenziali e concrete, e che negarle sia un’ ingenuità o una scaltra simulazione.
    Non si può negare che la cultura cattolica sia “omofoba”, in quanto propensa da sempre all’esclusione, al rifiuto e alla discriminazione.
    E’un astratto intellettuale (già di per se abominevole) che raramente si concretizza in gesti estremi, che comunque verrebbero condananti in toto dalla parte “sana” della società e dall’autorità costituita.
    E soprattutto, abbiamo la possibilità di lavorare ad un cambiamento, e secondo il mio modesto avviso sta lentamente avvenendo.

    Nei paesi islamici “l’omofobia” è sostenuta ufficialmente dai governi, affermata ufficialmente, contro gli omosessuali esistono leggi, galera, sanzioni, tortura deportazione e morte.
    Non sono gesti sconsiderati dello psicopatico di turno, come da “noialtri”, ma è il governo di questi paesi che lo permette e l’autorità costituita che esegue, regolarmente, sistematicamente e col favore e il consenso della società tutta.

    In Afghanistan l’omosessualità è punita con la morte per lapidazione
    In Arabia è punita con il carcere, multe, frustate, internamento in cliniche
    In Giordania c’è l’arresto
    In Mauritania la morte per lapidazione
    In Pakistan frustate, arresto e lapidazione
    In Senegal sei mesi di carcere
    In Somalia la pena di morte
    In Sudan la morte per lapidazione
    In Iran la polizia organizza le “retate” per “pulire le strade e le città dagli esseri malvagi e criminali” tra cui sono annoverati gli omosessuali.

    La lista potrebbe continuare, sono tutti paesi Islamici, non parliamo del medioevo e non accetto similitudini con la cultura cattolica dell’anno mille, o col giurassico, o coi riti apotropaici etruschi del V secolo.
    Per quanto ugualmente immorale e spregevole, da gay preferirei vivere coi cattolici rischiando l’emarginazione, che con gli islamici richiando la morte e la lapidazione.
    Concetto elementare, lo ammetto, ma lampante.

    Il cortocircuito culturale di cui parlavo è negare questa verità e non voler identificare il problema per motivi ideologici.
    O per quel masochismo (quasi neo-cattolico) di anti-identità, per cui le colpe del mondo devono in un modo o nell’altro ricadere sull’incorporeo concetto del “la colpa è nostra” che si identifica di volta in volta nello spauracchio di turno, trump, berlusconi, la pistola, il texas, la lega ecc. ecc.
    “La rivendicazione dell’isis? Di certo è un complotto razzista, la vera colpa è di Smith e Wesson, della
    Lega e di Mussolini.”
    Detto tra noi, una vera e propria contraffazione dottrinale.

    Liked by 1 persona

    • Massimo, ti lascio ai tuoi convincimenti, non li condivido in quanto a mio avviso semplicistici, ma li rispetto.
      Traspare che sei un uomo intelligente, e questo è già moltissimo, soprattutto oggigiorno.
      Non entro in merito ai tuoi ragionamenti, citi cose reali, tuttavia 10 verità non fanno una ragione, e questo varrebbe anche per le mie 10 verità, se le volessi elencare.
      Faccio però una precisazione: in questo caso (mi riferisco al caso di Orlando) l’ISIS non ha rivendicato alcunché; è stato Omar (l’assassino omofobo) a parlare di ISIS telefonando al 911.
      L’ISIS – una banda di assassini, intendiamoci – ha solo commentato successivamente lodando l’operato dell’americano stragista (e grazie, quando gli ricapita una botta di fortuna come questa, cioè di avere un americano che li inneggia facendo una strage in loro nome?).
      L’ex moglie di Omar (matrimonio durato solo 3 mesi) afferma che era violento, omofobo, sessista, esaltato per le armi e che della religione gli importava abbastanza poco.
      Omar, insicuro, prima della strage ha telefonato 3 volte al 911 per auto-esaltarsi “rivendicando” in anticipo.
      Quando era dentro al locale con gli ostaggi ha trattato 3 ore la propria resa con l’FBI.
      Tutto questo non è in linea con le stragi terroristiche dell’ISIS o di qualsiasi terrorismo pianificato e sempre realizzato in gruppo.
      Rimango dell’idea che Omar fosse un esaltato solitario sessista omofobo.
      Ma piace a molti l’idea che dietro ci sia la mano islamica, piuttosto che ammettere che la società occidentale possa produrre gioiellini del genere.
      Soprattutto alle porte delle elezioni.
      Intanto, però, negli Stati Uniti nel 2015 ci sono state 357 stragi da parte di persone (americane) che hanno impugnato le armi per fare una carneficina.
      Nessuno di loro lo ha fatto in nome di una religione. Spesso per motivi più disparati.
      Di-sparati.
      Disperati.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...